"C'era una volta in Sicilia" al Teatro Documenti

“C’era una volta in Sicilia” al Teatro Documenti

Recensione di “C’era una volta in Sicilia”, lo spettacolo in scena al Teatro Documenti di Roma fino al 21 gennaio. Articolo di Giulio Vivoli.

Va in scena fino a domenica 21 gennaio nelle grotte seicentesche color grigio argento del Monte Testaccio, presso il  Teatro Documenti creato dal grande scenografo Luciano Damiani,  la pièce  “C’era una volta in Sicilia”  della Compagnia Arte e Tradizione Teatrale, fondata e diretta dall’intramontabile Silvana Bosi insieme all’affascinante Maria Carla Rodomonte.

Ambientato nel mondo ancestrale e contadino  della Sicilia di inizio ‘800, lo spettacolo è composto di tre opere di Giovanni Verga, che vengono fuse attraverso un unico  racconto duro e impietoso,  avvolto  nelle atmosfere cupe  della tragedia melodrammatica. Dopo un prologo simbologico dai toni mistici, nel quale i membri di un’immaginaria comunità cittadina si esprimono a turno  con detti e proverbi popolari, annunciando come nello schema del Teatro greco le tragedie che seguiranno, la rappresentazione entra nel vivo con tre classici della narrativa verghiana: Caccia al lupo, ambientato in un paese dell’entroterra arcaico tra  pastori analfabeti  e rozzi cacciatori; I Malavoglia, che trasmette il senso della vita dura  e lo spirito di sacrificio nella lotta quotidiana tra l’Uomo e la Natura, tra una famiglia di umili pescatori e il mare, contemporaneamente  mezzo di sostentamento per la vita  e impietoso portatore di morte; e chiude sulle note della Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni, in un crescendo emotivo per intensità drammatica tra i temi dell’ amore,  vendetta e  gelosia,  culminante nel mortifero duello d’onore tra Alfio e Turiddu, sui registri dolenti della tragedia greca classica. Grande prova di recitazione corale molto  compenetrata e coinvolgente dall’intero cast di attori, alcuni alla prima esperienza di palcoscenico, in uno spazio scenico unico che annulla la tradizionale distanza tra attori e spettatori, creando un legame che fa vivere un’autentica esperienza  emotiva, proiettata  oltre il semplice spettacolo.

ace2dcae99a4cb4dea07801988566364 (immagine JPEG, 1450 × 1230 pixel) – Riscalata (62%)